EVENTI ED AZIENDE NEL COMUNE DI CAMPAGNANO, CESANO, FORMELLO, SACROFANO, NEPI, TREVIGNANO, ANGUILLARA

La Cattedrale di Nepi e la sua meravigliosa cripta

0

Un po’ di storia della Cattedrale di Nepi: la chiesa di Santa Maria Assunta

cattedrale di nepiNEPI (VT) – La chiesa di Santa Maria Assunta, secondo un’antica tradizione, sorgerebbe nel luogo un tempo occupato dal tempio pagano dedicato a Giove, come testimoniato dalla presenza nelle adiacenze di un foro di epoca romana. Scavi condotti nell’area dell’ex Vescovado, attiguo alla cattedrale stessa, hanno attestato il persistere del carattere socio-religioso di questa parte di città: un primo edificio di culto era già presente nel V secolo, saccheggiato e distrutto nel 568 durante le guerre tra Longobardi e Bizantini, era di nuovo funzionante nel IX secolo. La struttura venne poi ingrandita e abbellita nell’XI e XII secolo con l’aggiunta, in questo periodo della splendida cripta, e tra il 1680 e il 1752 vengono realizzate la IV e la V navata. Dopo essere stata incendiata nel 1798, l’edificio venne ricostruito nuovamente tra il 1818 e il 1840.

L’interno e il portico della Cattedrale di Nepi

Il Portico della fine del XV secolo, è costituito da tre archi a tutto sesto con due colonne di granito; il cornicione mostra motivi tardogotici. Rimarchevole l’epigrafe riportante il primo patto comunale di Nepi, risalente all’anno 1131. L’interno si presenta a pianta basilicale, con le sue ampie cinque navate divise da pilastri. Sontuoso e suggestivo è l’interno, ricco di affreschi realizzati da Domenico Torti e dal Di Mauro (seconda metà del XIX secolo), raffiguranti episodi della vita di Maria Vergine.

Nella volta invece è raffigurata la Incoronazione di Maria fra Santi, fra cui san Pio V, che fu vescovo di Nepi, I Santi patroni Tolomeo e Romano e Santa Savinilla. Murata accanto alla porta d’ingresso, la lapide della consacrazione dell’edificio, risalente al 1266. Nel secondo altare della navata sinistra, il pregevole crocifisso ligneo del 1532/33 di Antonius Ispanus. Altre importanti opere d’arte sono conservate nelle navate della chiesa ed in sacrestia, in particolare i due sportelli di un trittico con i santi Romano e Tolomeo del Pastura.

La cripta ad oratorium, sorretta da 24 colonne, risale all’XI secolo. Il campanile attuale è del 1511, realizzato da Jacopo Ungarico da Caravaggio, dopo che la precedente torre campanaria in stile romanico-laziale era stata in parte abbattuta.

cattedrale di nepi

Share.

Comments are closed.